Omelia sul Vangelo

 della 27ª Domenica del Tempo Ordinario - Anno C

C27-w6 Ottobre 2013

Una forza inimmaginabile, per chi ce l’ha

L’immagine usata da Gesù nel Vangelo odierno non poteva essere migliore per dire l’incredibile; perché è incredibile che uno dica a un gelso: “srádicati e vai a piantari nel mare”, ma ancora più incredibile è che il gelso obbedisca... La vita che obbedisce alla fede è la sopresa alla quale ci introduce il vangelo ad ogni passo. Ma obbedisce alla fede se c’è.
La risposta di Gesù ai suoi discepoli non lascia molti dubbi; ha appena parlato di perdonare sempre e comunque, ogni volta che il fratello ammetta la sua colpa e chieda il perdono e la cosa sembra eccessiva per le piccole riserve di fede dei suoi discepoli. Così gli chiedono di aumentare la loro fede. E lui? Lui li mette di fronte al vero.
Voi la fede non ce l’avete, amici; mi chiedete di aumentarla  e quindi siete sicuri di averne almeno un po’. Ma non avete neppure quel poco, la fede è un’altra cosa. Quando c’è, per piccola che sia, fa cose inimmaginabili. Se non è fede, per quanti abbellimenti e ritocchi potete effettuare, rimane quello che è.

Il Vangelo è la rassegna della fede. C’`quella di Pietro e c’è quella della donna che non riesce a guarire da un’emorragia, c’è la fede dei parenti del paralitico e quella del cieco nato, la fede del centurione e quella del lebbroso, alla fine anche la commovente fede del ladrone che strappa al Re in Croce l’ultimo e il più bello dei regali, il Paradiso.
Si tratta sempre di fede, anche se i modi di esprimerla sono tanti quanti sono gli esseri umani perché la fede è saper accogliere con fiducia la parola di Gesù, accordandogli credito. Arriva in mille modi, diversi e sorprendenti. Il contatto si stabilisce a partire da quanto siamo disposti ad apprezzare Dio quando si affaccia nella nostra vita, con effetti sorprendenti come il gelso che si sradica e va a piantarsi in mare. Qualcuno rilegge il suo passato e lo trova miracolosamente fortunato, altri si buttano in ginocchio e confessano le loro colpe, c’è chi guarisce da malattie croniche e invincibili e può anche succedere che uno appeso in croce veda Dio nel morente della croce accanto perché capisce che c’è morte e morte. Tanto fa la fede e molto di più. Rendere umili i superbi, detronizzare i padroncini, svuotare le mani ai benestanti e riempire le mani dei poveracci; anche Maria l’aveva cantato nel Magnificat: questo succede a chi apre la porta a Dio. Mondi capovolti.
Facile il difficile, profumata la puzza, beati i poveri, possessori i miti. Questa è la filigrana del Vangelo, dove ad ogni pagina si dicono due cose della fede: ce l’hanno quelli che non ti immagini, mentre la ostentano quelli che non la conoscono neppure. E tu?
Certo c’è la fede e ci sono i suoi preamboli, le condizioni, una sorta di apertura alla fede; anche Gesù un giorno disse del centurione “non ho mai trovato una fede così grande in tutto Israele” mentre un altro giorno aveva detto a uno scriba “non sei lontano dal regno di Dio”. Un conto è il tesoro e un conto è la strada per arrivarci, che magari è già luminosa, ma manca un pezzo...
La cura della fede è la stessa che esige il seme: sta nel tuo giardino come qualcosa che non hai messo tu, perchè ti è venuto incontro il Signore, sempre. Che cresca o meno dipende te, nella pulizia che farai del giardino, da tutte le scimmiottature della fede vera.

padre Fabio, guanelliano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: