VANGELO DELLA DOMENICA

I-avvento1ª Domenica di AVVENTO – Anno C

2 Dicembre 2012

Da capo l’Avvento

La Chiesa ci fa ricominciare da capo, ogni anno con l’Avvento. Perché ripetersi? Dubita anche lei, la Sposa, di aver colto l’Avvento del suo Signore; immaginarsi noi! Resto sempre colpito quando leggo del grande teologo Romano Guardini che passò parte della sua vita nello studio sui Salmi; a chi gli chiedesse come mai tanta passione per l’Antico Testamento -in fondo ormai è venuto Cristo!- rispondeva:  “nessuno può mai dire di aver incarnato il Signore, siamo sempre in attesa”. Così, per quel tanto che Cristo non si è incarnato in me, devo continuare ad attenderlo e a invocare che venga.

Uno sfondo ideale per questa prima Domenica di Avvento può essere quella preghiera che il sacerdote pronuncia dopo il Padre nostro nella Messa e che la liturgia chiama con un nome straordinario: ‘embolismo’, sì, come un embolo che si stacca e assume vita propria. Perché il Padre nostro termina con l’invocazione “Liberaci dal male” e la preghiera in questione inizia con “Liberaci Signore da tutti i mali...nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo”. Ecco l’Avvento: l’attesa della ‘beata speranza’ che ‘venga’ Gesù in cui chiediamo di essere liberati.

Liberati?

Parla di liberazione il Vangelo odierno di Luca: “Alzate il capo perché la vostra liberazione è vicina”. In greco è ‘apolútrosis’, l’affrancare uno schiavo pagando un riscatto; memoria del prezzo alto che Cristo Gesù pagherà per la nostra affrancatura.

Come si introduce questa liberazione nella nostra vita e nella storia? Come viene il Signore Gesù? Qual è la musica d’ingresso? “Segni nel sole, nella luna e nelle stelle; sulla terra angoscia di popoli in ansia…uomini che moriranno per la paura e l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli sconvolte…”. Così dice Luca e così dice tutta la letteratura antica per annunciare l’avvento del Signore. La liberazione inizia con sconvolgimenti e rotture, caduta di certezze, scrollamento di tanti mondi. Non si comincia senza finire. L’inizio coincide col crollo.

Non farti prendere dall’ansia -il vangelo di oggi usa il termine meraviglioso di ‘aporia’- quando inizia il crollo. È l’inizio, non la fine. Aporia è il passaggio impraticabile, la via senza uscita. Non metterti in angoscia, alza il capo e butta l’occhio a quello che arriva non a quello che cade! Quanta paura sarebbe esorcizzata se il nostro sguardo si concentrasse su quanto ci è dato piuttosto che su quanto ci è sottratto.

La nostra liberazione inizia con la memoria che il tempo si è fatto breve e che le cose vanno verso lo sgretolamento. Senza questo punto di avvio non ci si libera mai: ricordarsi del carattere relativo e passeggero della scena presenta, non per togliergli vigore, anzi! Questa vita che ho fra le mani è il momento in cui si decide l’assetto finale; dipende da come mi ordino qui il mio vedere il Signore Gesù quando verrà. Il Vangelo di oggi infatti termina con l’invito a pregare e vegliare: “perché abbiate la forza di comparire davanti al Figlio dell’Uomo”. Cioè: comparirà e tu vorrai andargli incontro, ma se sei incastrato e impigliato come farai? Sarai trattenuto …intontito e senza forze.

Che dobbiamo fare? “State attenti a voi stessi”. Attenti a se stessi…?

Ma è quello che mi grida il mondo, specie in questi ultimi decenni, dopo la cosiddetta ‘me generation’ e il suo grido “tutto gira intorno a te”.

Sì, attento a te stesso. Non ti accorgi che ti si sta ‘appesantendo il cuore’? Come farai a ‘correre’ verso il Figlio dell’Uomo quando verrà se sei inebetito e intontito?

Dissipazioni, ubriachezze, affanni

Sintesi eccezionale di Luca per dire le nostre minacce, le più diverse tentazioni. Che hanno la forza di farci soccombere per indebolimento; anche nel Padre nostro diciamo: “fa’ che non cadiamo nella tentazione”. E non si allude solo alla grande prova, ma alla vita quotidiana col suo tran tran che può sfaldare e sfibrare, come un tarlo che giorno dopo giorno, senza apparenti stravolgimenti, svuota e prepara il crollo.

Dissipazioni è detto col termine “crapule”, che è l’abbandono senza freni ai vizi di varia specie, soprattutto al mangiare e al bere. Una vita di gozzoviglie.

Ubriachezze, è detto col termine “ebrietà”, che esprime la mancanza di autocontrollo e la perdita di lucidità nota a chi beve e a chi vive ‘dipendente’ dai suoi vizi, perdendo libertà e diventando schiavo.

Affanni, è detto col termine “ansietà”, che dice una vita col fiato sospeso, accelerata e convulsa, in cui il contatto con la realtà è zero, una sorta di delirio.

Tre parole di Luca per dire la nostra affannosa ricerca del benessere e i peccati di gola che non consistono nel mangiare, ma che esprimono la voracità come tendenza di fondo. Prendersi piacere, ingoiare, soddisfare le voglie: il vero peccato di gola non è ingerire, ma pensare continuamente ad ingerire, a foraggiarsi. Col sapere, col vedere, col sentire: voracità dell’orecchio, dell’occhio, delle mani; ‘assumere’ per stare bene.

La vita commerciale sa bene di questa nostra debolezza; mette un’esca di piacere e cattura un’infinità di persone. Qualcuno ricorda la vecchia storia di Esaù? Giacobbe suo fratello lo prende per fame e come esca un piatto di lenticchie; soddisfa la fame e perde il suo destino, la benedizione e l’eredità. Giacobbe rinuncia al piatto, ma trova una benedizione imparagonabile: diviene l’uomo più noto di tutto Israele.

Per questo la vita cristiana, da sempre, ricorda il valore imprescindibile del digiuno, che è un allenamento alla libertà. Cosa è la libertà? Il dizionario dice: “facoltà di autodeterminarsi”. Cosa è autodeterminarsi? Dirsi dei no. Questo mi fa stare bene. Saper dire quei no che mi lasciano sobrio e lucido, nel controllo della mia vita perché “non si appesantisca il cuore”.

L’Avvento torna a parlarci di ordine, di sobrietà; ognuno di noi ha una porta d’entrata per dissipazioni, ubriachezze e affanni. Con cui non solo perdiamo noi stessi, ma distruggiamo amicizie, missioni, matrimoni, paternità, responsabilità…lo sappiamo tutti, perché tutti ne siamo stati toccati, prima o poi.

Un segreto? Vegliate. Detto col magnifico ‘agrupneo’, proprio del pastore che dorme nel campo e, se si distrae, rischia fatalmente di perdere tutto!

  padre Fabio, guanelliano

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: