Questa spiritualità segna la pedagogia di don Guanella: il "vieni e vedi" lo si stabilisce con Cristo povero, coabitando con lui, facendo casa e famiglia con lui. Naturalmente al centro di questa convivenza c’è posto solo per un rapporto preventivo, per evitare ogni male, curare e procurare ogni bene, perché il cammino della vita si schiuda alla salvezza. Dominante in questo rapporto è il cuore misericordioso, aperto all’accoglienza, alla comprensione, al perdono quando è necessario, al dono totale di sé. L’amore è paziente e accetta ogni tempo di attesa e di gradualità.

Anche la sua teologia morale e l’ascetica vi rientrano, secondo una maniera propria e caratteristica. Bisogna infatti valutare l’azione compiuta da uno di questi poveri alla luce di Dio, e allora tante cose, che a noi sembrano gravi e che valuteremmo con severità, viste dal punto di osservazione proposto, perdono ogni peso: non c’è da adirarsi o da castigare, dove Dio non è per nulla offeso. La scuola gli aveva insegnato i tanti gradi di perfezione che vi sono nelle cose e nel valore delle azioni; ed egli se ne fa un programma di azione, stimolante ma benevola, chiedendo sempre qualcosa, ma senza pretendere da tutti una misura unica. Vedeva la grandezza e il dono di Dio creatore tanto nel seme che si sviluppa in un filo d’erba, quanto in quello che cresce fino a pianta enorme, realizzando in maniera diversa tutta la potenzialità ripostavi dal Creatore. «Che importa a te che a coltivare il tuo campo il Signore ti mandi strumento di ferro piuttosto che uno d’argento o d’oro?».

In questo quadro, solidamente teologico e profondamente umano, don Guanella colloca sé e i suoi confratelli religiosi. Diventa comprensibile e anzi necessaria la spirale di formazione, partita dalla base della carità pura del catechismo fondamentale, ampliata a tutti gli interventi materiali, umani, giuridici, pedagogici del gruppo di scritti intermedi e chiusa nel ritorno alla carità resa più umana, cordiale, intensa e affettiva, nel lungo cammino attraverso il dolore. La paternità di Dio, profondamente inchinato sull’uomo, è divenuta il suo annuncio e il suo carisma: il dono che per mezzo ed esempio suo Dio ha riproposto ancora una volta alla sua Chiesa.

Don Piero Pellegrini, guanelliano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: